Fabrizio Di Amato eletto Presidente dell’Animp

 

Fabrizio Di Amato, C.E.O. MAIRE TECNIMONT, è stato eletto all'unanimità Presidente dell'ANIMP per il biennio 2007-2009.

Le elezioni per la nomina del Presidente e per il rinnovo del Consiglio si sono svolte nell'ambito del XXXIV Convegno Nazionale "Ingegneria e Impiantistica Italiana", tenutosi all'Isola D'Elba il 26-28 aprile u.s.
I sedici membri del neo Consiglio, che rimarrà in carica per il 2007-2009, provengono tutti dal mondo accademico e dell'industria impiantistica italiana: A. Brandolese (POLITECNICO DI MILANO), G. de Panno (CESI), F. Di Amato (MAIRE TECNIMONT), A. Di Giulio (POLITECNICO DI MILANO), E. Di Maria (ABB P.S.&S.), G. Fantoni (ALSTOM POWER ITALIA), C. Gemme (ANSALDO SISTEMI INDUSTRIALI), P. Giribone (UNIVERSITA' DI GENOVA), L. Iperti (TECHINT), M. Moresco (FOSTER WHEELER ITALIANA), M. Pepori (FLOWSERVE-WORTHINGTON), S. Polito (ENI), A. Ribolla (SICES), G. Scimone (SNAMPROGETTI), N. Uccelletti (TECHNIP ITALY), G. Zampini (ANSALDO ENERGIA).
Obiettivo primario del neo presidente è la costituzione di un vero e proprio "sistema" dell'ingegneria e dell'impiantistica italiana attraverso una strategia di partenariato tra le imprese, tra le istituzioni e le associazioni di settore. Questo primo passo unito al forte impegno verso l'internazionalizzazione delle imprese italiane grandi e piccole potrà contribuire a rendere nuovamente di alto profilo la presenza dell'ingegneria italiana nel mondo. Fabrizio Di Amato:


E' nato nel 1963 a Roma, e si è lauretato in Scienze Politiche presso l'Università La Sapienza. Ha iniziato la sua carriera molto presto: fonda la sua prima società di manutenzioni a soli 19 anni.


Attraverso un intenso processo di crescita e grazie ad un ambizioso programma di acquisizioni, come quella di Fiat Engineering del febbraio 2004 e di Tecnimont, ottobre 2005, Di Amato è ora Presidente e Amministratore delegato del gruppo Maire Tecnimont, leader nel settore dell'engineering & contracting.


Il progetto imprenditoriale di cui Di Amato è attore principale rappresenta la maggiore novità degli ultimi anni nel quadro degli operatori italiani del settore. Il gruppo nel suo complesso ha realizzato oltre 1500 grandi progetti in 83 Paesi del mondo; ha una radicata presenza, con sedi, branches e subsidiaries, in oltre 30 Paesi. Il fatturato 2006 si chiude oltre il miliardo di euro, con un portafoglio ordini di 4 miliardi di euro. I dipendenti sono attualmente circa 2800 in tutto il mondo. L'ANIMP:


L' ANIMP (Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale) nasce nel 1974 come punto di incontro tra le Università e le Aziende che operano nel settore impiantistico e agisce in collaborazione con OICE (1) e UAMI (2) .
Sono Soci ANIMP:


· primarie Società in qualità di Soci sostenitori;
· società di Impiantistica, in qualità di Soci collettivi, che rappresentano oltre il 70% dell'intero settore dell'Impiantistica Industriale Italiana;
· i dipartimenti di Impiantistica e Ingegneria Meccanica delle maggiori Università Italiane;
· numerosi operatori del Settore impiantistico a titolo individuale.
Complessivamente le Società rappresentate sono circa 300 con un fatturato annuo di circa 30 miliardi di Euro (oltre 60.000 addetti) e includono main contractor, fornitori di servizi, di impianti e di componenti, end-user, Società di costruzione e montaggi.
L'ANIMP è articolata in Sezioni specialistiche che operano attraverso i Comitati Direttivi di Sezione, anche in collaborazione con corrispondenti organismi europei.

1- OICE - Associazione delle Organizzazioni di ingegneria, di architettura e di consulenza tecnico-economica
2- UAMI - Associazione Aziende di Costruzione e Montaggio di Impianti Industriali

 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s